Furore Costiera Amalfitana. Fiordo di Furore.

Fiordo di Furore, incantevole baia nella quale scoprire la magia di uno spettacolo creato dalla natura.

» Leggi

Magiche Vacanze in Costiera Amalfitana: tour ed escursioni nelle incantevoli localitĂ  costiere e dintorni. Da Agerola,Furore, Amalfi e Positano.
Le tue Vacanze negli splendidi appartamenti e camere del B&B Mela Blu saranno indimenticabili con le piacevoli escursioni ad Amalfi, Positano, Ravello, Sorrento, Capri, agli scavi archeologici di Pompei ed Ercolano. Potrete , inoltre, visitare il famoso Sentiero degli Dei, dalla vista mozzafiato, in cui si uniscono il mare e le montagne, che porta da Agerola alla suggestiva Positano.
La Costiera Amalfitana preserva tradizioni millenarie che potrete riscoprire attraverso il folklore, la gastronomia e gli eventi sul territorio. Ogni tour ed escursione arricchirà il vostro soggiorno con esperienze nuove ed emozionanti. Arricchirete la vostra anima di un’esperienza indelebile che porterete sempre con voi; questo è quello che la natura e la magia di questi posti incontaminati regalano.

» Chiudi

Dintorni Furore Costiera Amalfitana

Amalfi
Cuore della costiera, patrimonio Unesco dal 1997.
Amalfi nasce nel IV secolo D.C. con l’insediamento di profughi romani. Il suo apice lo raggiunge nell’839 quando si dichiara indipendente dal Ducato Bizantino di Napoli e diventa prima Repubblica Marinara d’Italia, per secoli unico anello di congiunzione fra l’Europa e tutto il levante-bizantino. Qui nasce il primo codice del diritto della navigazione, la “tabula amalphitana”, in vigore fino al secolo XVI. Innovazioni amalfitane furono anche l’uso della bussola e la circolazione di una propria moneta, il “tarì”.
Il fascino di Amalfi ha da sempre attratto artisti, scrittori, pittori, registi, persino uno dei 12 Apostoli, Sant’Andrea, al quale è dedicata la Cattedrale costruita nel secolo X che conserva le sue reliquie nella Cripta.
Amalfi è racchiusa in un anfiteatro naturale dove il fiume Canneto taglia la rigogliosa Valle dei Mulini e dove Cartiere trasformavano gli stracci in carta preziosa a cui è stato dedicato un Museo in un’antica cartiera del XIII.

Positano

Fondata dai Greci e abitata dai Romani, seguì le sorti della Repubblica Marinara di Amalfi. Fu meta di attori e artisti, da Zeffirelli a Nureyef (proprietario di una delle isole dell’arcipelago Li Galli situata di fronte al paese), da De Sica alla Loren.
Negli anni ’60 nasce la “moda Positano“, capace di conquistare l’Italia e non solo. I laboratori sartoriali trasformano antichi canovacci in copricostume, parei, abiti da mare, e costruiscono un’industria di grandi profitti.
Da visitare la Chiesa Madre con la bellissima tavola della Madonna Bizantina con Bambino.
Da non perdere le passeggiate naturalistiche a Montepertuso, Nocelle, Sentiero degli Dei, che conducono sino al paese di Agerola in un susseguirsi di panorami mozzafiato.

Ravello
A 350 mt sul mare, punto di incontro tra il mare e i boschi di castagno di Scala e Tramonti, è storica sede di lunghi soggiorni di nobili e ricchi mercanti amalfitani, oltre a capi di stato, uomini di chiesa, intellettuali, artisti, poeti, scrittori, pittori che trovarono qui ispirazione. Wagner proprio a Ravello riuscì a creare il suo quadro scenico “Il Magico Giardino Di Klingsor“.
L’incontro di un Lord inglese con un sarto ravellese, creò una delle meraviglie dell’intera costa, Villa Cimbrone a strapiombo sul mare con la terrazza dell’infinito. Sulla piazza di Ravello si affaccia il Duomo di San Pantaleone che conserva le reliquie del Santo e tesori d’arte come le porte in bronzo di Barsano Da Trani, le prime fuse in Italia da un artista italiano, l’Ambone dell’Epistola.
Villa Rufolo, palazzo eretto nel 1280 dall’omonima famiglia ravellese, banchieri di Carlo D’Angiò, ospita i concerti estivi del Festival di Ravello.